Menù principale

Francavilla- Una comunità si interroga sulla violenza che ha portato all’omicidio di un ragazzo di 19 anni

Francavilla- Una comunità si interroga sulla violenza che ha portato all’omicidio di un ragazzo di 19 anni
Fonte Brindisi Report
La voce corre veloce: “E’ successo qualcosa in via Occhibianchi, qualcosa di brutto”. La certezza si materializza col tempo: un ragazzo di 19 anni è morto. Paolo Stasi, questo il suo nome, è stato ammazzato, dopo che gli hanno sparato due colpi d’arma da fuoco. In via Occhibianchi e nella vicina via Di Vagno, tanta gente, spinta dall’interrogativo “che è successo?”. La violenza. La violenza è un tema che sta ricorrendo a Francavilla Fontana: il 23 ottobre scorso un ragazzo era stato picchiato selvaggiamente nella zona della movida. Adesso un omicidio, quasi a tornare indietro di anni e anni, ai tempi bui in cui la criminalità organizzata faceva sentire la sua presenza. Ovviamente, il contesto è diverso oggi, è ancora da appurare da parte dei carabinieri. Ma la violenza, quella c’è. Ed è su quella che la comunità si sta interrogando in queste ore. Le persone che sono rimaste assiepate nei pressi del luogo del delitto erano perlopiù silenziose, cercavano di capire cosa fosse accaduto realmente oggi, 9 novembre 2022. E’ accaduto che un giovane di 19 anni, incensurato, ha perso la vita colpito al torace da colpi d’arma da fuoco.
E mentre la comunità si interroga, la politica si attiva. I consiglieri comunali Antonio Andrisano (Forza Italia), Adriana Balestra (Lega) e Anna Ferreri (Fratelli d’Italia) ritengono “doverosa e assolutamente necessaria la convocazione di un Consiglio Comunale monotematico urgente sulla sicurezza ai sensi dell’articolo 39, comma 2, del Testo unico enti locali”. E ancora, recita il comunicato congiunto: “In questo momento è doverosa la prudenza ma questo ennesimo gravissimo episodio, susseguitosi in un’allarmante spirale, ad altri episodi già gravi ha profondamente scosso la popolazione già provata da una situazione di disagio ed allarme sociale. A questo punto, necessitando il tema della vivibilità e sicurezza urbana di azioni congiunte e sinergiche anche da parte dei rappresentanti istituzionali, riteniamo doveroso che nei prossimi giorni venga convocato un Consiglio Comunale straordinario e monotematico, che affronti in maniera puntuale e costruttiva l’emergenza sicurezza a Francavilla evidenziata dall’escalation di episodi delinquenziali, atti di vandalismo, nonché e soprattutto da questo recente fatto di cronaca che ha segnato la comunità intera”. Al Consiglio, i consiglieri chiedono la partecipazione del prefetto di Brindisi.
Anche il parlamentare Mauro D’Attis (Forza Italia) interviene poco dopo l’accaduto, con una nota: “Chiederò l’immediato intervento del ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, per sostenere tutti coloro che operano per la legalità in provincia di Brindisi, dal prefetto alle forze dell’ordine. L’agguato di poco fa a Francavilla Fontana, in cui ha perso la vita un 19enne, è un segnale preoccupante che richiede una risposta corale, ferma e decisa per garantire la sicurezza pubblica. Non possiamo tollerare episodi di tale spregiudicatezza della criminalità nel territorio e ci auguriamo che i responsabili vengano assicurati alla giustizia nei tempi più brevi. Sottoporrò la questione al ministro, con la richiesta di un potenziamento di uomini e mezzi delle forze dell’ordine che operano nel Brindisino e in tutta la Puglia”.