Menù principale

Il caso strisce blu nelle marine. Breccia: “tutte illegittime

Il caso strisce blu nelle marine. Breccia: “tutte illegittime”
E si rivolge al nuovo comandante della polizia municipale
La Voce Di Manduria

Non si placano le polemiche sulle strisce blu che il comune di Manduria ha iniziato a fare applicare a Torre Colimena per poi proseguire i lavori su tutte le marine manduriane. Dopo le proteste dei residenti che lamentano la presenza di stalli davanti alle proprie abitazioni situate su strade strette, si inserisce la voce del consigliere comunale Mimmo Breccia che parla di irregolarità dell’opera in corso. «Dal sindaco Pecoraro e il suo assessore Raimondo ci mancava questa: imbrogliare sulle misure e sul codice della strada».
Secondo il consigliere di Italexit, gli stalli già realizzati su diverse strade di Torre Colimena sono più stretti del dovuto. «Ci entra appena una smart oppure sono buone per le moto ma non per le auto normali la cui larghezza supera di almeno mezzo metro lo spazio tracciato al suolo». Un altro problema sollevato da Breccia è ancora più grave. «Non si erano mai viste aree di sosta in strade così strette e prive di marciapiedi che costringeranno i pedoni a camminare a centro strada con i rischi che si possono immaginare».
Un terzo motivo per cui il consigliere chiede l’intervento del comandante della polizia municipale riguarda una regola contenuta nel codice della strada secondo la quale «le aree destinate al parcheggio devono essere ubicate fuori della carreggiata e comunque in modo che i veicoli parcheggiati non ostacolino lo scorrimento del traffico». «Non mi pare che questa norma sia rispettata perché in questi tuti i casi che ho visto il rettangolo blu copre metà della carreggiata». Così conclude Breccia. «Prima che qualcuno si faccia male o che si contestino tutte le multe a spese del comune, il sindaco e l’assessore si diano da fare per risolvere i problemi posti».