Menù principale

In provincia di Brindisi sono stati raccolti 10.600 chili di alimenti per i meno abbienti nell’abito della 25esima Giornata nazionale della colletta alimentare

In provincia di Brindisi sono stati raccolti 10.600 chili di alimenti per i meno abbienti nell’abito della 25esima Giornata nazionale della colletta alimentare.
Un successo la colletta promossa dalla Fondazione Banco Alimentare: appuntamento giunto alal 25esima edizione
Brindisi e provincia fanno proprie le parole con cui la Fondazione Banco Alimentare ha concluso la 25^ Giornata Nazionale della Colletta Alimentare appuntamento che da 25 anni l’ultimo sabato di novembre invita a «fare la spesa per chi ne ha bisogno». Un Gesto vissuto da centinaia di volontari in moltissimi Comuni della nostra provincia per l’intera giornata di sabato 27 novembre con le emozioni di chi ritorna, dopo quasi due anni, «in presenza» tra le casse e gli scaffali dei market di quartiere come degli ipermercati più frequentati.
In provincia di Brindisi sono stati raccolti 10.600 chili di alimenti per i meno abbienti nell’abito della 25esima Giornata nazionale della colletta alimentare, iniziativa promossa da 25 anni dal Banco Alimentare. L’esito è stato straordinario: non solo per le quantità di alimenti donati, che nel corso dell’anno saranno distribuiti alle decine di Enti assistenziali che aiutano i più poveri ma soprattutto per l’entusiasmo e per il numero di volontari che nonostante le dovute stringenti norme sanitarie in vigore hanno voluto aderire al Gesto di solidarietà più partecipato d’Italia. Fra di loro i ragazzi degli Istituti scolastici superiori Fermi-Monticelli e Palumbo di Brindisi città, Ribezzo e Fermi di Francavilla Fontana e Maria Immacolata di Torre Santa Susanna assieme agli studenti, tanti, della scuola media Mazzini di Torre S. Susanna che grazie al loro prof. hanno fatto della Colletta una grande festa di solidarietà.
Oltre ai ragazzi sono stati decine anche i volontari di ogni età che hanno offerto la propria disponibilità nei più svariati compiti: dal presidiare l’ingresso dei supermercati invitando a donare, al riordino dei prodotti nelle scatole del Banco, fino al facchinaggio ed al trasporto verso i punti di raccolta. Un compito improbo se non fosse stato per gli automezzi messi a disposizione da alcune aziende ed Enti del territorio dalla forte anima sociale: la Parmalat-Gruppo Lactalis ed il Comune di Mesagne.
A tarda serata l’arrivo nella Zona Industriale di Brindisi negli spazi della Autotrasporti Attorre – anche quest’anno prezioso partner della Colletta – che ha generosamente messo a disposizione le proprie attrezzature ed il proprio personale per le faticose operazioni di stoccaggio finale prima del passaggio al deposito interregionale. Un impegno che ha volti e nomi a cui Banco Alimentare, fra tutti, esprime la propria gratitudine: Vincenzo Vitale e Mino Taurisano della Parmalat-Gruppo Lactalis, Toni Matarrelli sindaco di Mesagne e Riccardo Attorre della omonima impresa logistica.
Prima di darsi appuntamento al prossimo anno la Colletta 2021 continua: dal 28 novembre al 5 dicembre sarà possibile donare ancora per chi ne ha bisogno acquistando in cassa una Card il cui ricavato sarà utilizzato nel corso dell’anno da Banco Alimentare per l’equivalente in generi alimentari. Ed ancora fino al 10 di dicembre sarà possibile fare la spesa per chi non può permetterselo comodamente online sul sito colletta.bancoalimentare.it.