Menù principale

Mamma e figlia tenute in ostaggio per ore nella propria villetta da banditi

Mamma e figlia tenute in ostaggio per ore nella propria villetta da banditi
Fonte Brindisi Report
E’ accaduto intorno alle ore 21 di domenica (12 dicembre) in località Selva di Fasano. I banditi hanno bloccato la figlia mentre rincasava
FASANO – Le hanno tenute in ostaggio per ore, all’interno della loro abitazione. E’ una rapina da incubo quella subita nella serata di ieri (domenica 12 dicembre) da mamma e figlia, residenti in una villetta presso la Selva di Fasano, in località Minareto. I banditi intorno alle ore 21 hanno bloccato la figlia, un’insegnante, mentre rincasava. La madre era in casa. Le due sono state legate. Per più di tre ore i delinquenti hanno rovistato in ogni angolo dell’abitazione, alla ricerca di denaro e gioielli, costringendo le malcapitate ad aprire la cassaforte.
Una volta paghi del bottino, pari a circa 2mila euro, i rapinatori si sono dileguati. Le stesse vittime, dopo la fuga dei malfattori, sono riuscite a liberarsi e a chiamare le forze dell’ordine. Sul posto si sono recati i carabinieri della compagnia di Fasano e i sanitari del 118. A parte l’enorme shock, per le donne non ci sono state gravi conseguenze fisiche. I militari hanno subito avviato un’indagine per risalire all’identità dei rapinatori. A quanto pare questi parlavano con un accento dell’Est Europa. Non è ancora chiaro da quante persone fosse esattamente composta la banda.
Il sindaco: “Si rafforzino le misure di sicurezza”
Il sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, interviene sull’accaduto: “un episodio di violenza inaccettabile”. “Le istituzioni devono reagire subito per assicurare la massima serenità ai cittadini. Ho fatto la mia parte – dice il primo cittadino – chiedendo già stamattina al Prefetto di Brindisi di adottare misure di rafforzamento delle attività a tutela dell’ordine pubblico. Dobbiamo eliminare sul nascere ogni fenomeno criminoso che attenta alla tranquillità delle nostre case e al buon nome del nostro territorio, alla vigilia di un periodo chiave per il turismo”.
“Esprimo la mia più grande vicinanza e solidarietà alle due signore colpite da questo vile atto – ha dichiarato Zaccaria, lanciando un appello -, invito tutta la cittadinanza a collaborare con noi, interpellando prontamente le Forze dell’ordine su ogni eventuale segnale diverso dalla normale quotidianità”.
Gia.Gre.