Menù principale

Ossa in vendita per riti di magia: presunto traffico di resti umani nel Brindisino

Ossa in vendita per riti di magia: presunto traffico di resti umani nel Brindisino

Fonte :BrindisiReport
Il fenomeno emerge da un servizio di “Striscia la notizia”. Le immagini sono state girate a Villa Castelli, dove un complice che finge interesse all’acquisto di resti umani ha incontrato il sedicente “maestro Medaso”. Il sindaco: “Le forze dell’ordine faranno chiarezza”
Un presunto traffico clandestino di resti umani. Un’inquietante realtà emerge da un servizio a cura di Luca Abete mandato in onda ieri sera (giovedì 31 marzo) da Striscia la notizia, programma delle reti Mediasset. Le immagini sono state girate nel territorio di Villa Castelli. Un uomo che si fa chiamare maestro Medaso si sarebbe impossessato di ossa di vario tipo di cui proporrebbe la vendita. I suoi acquirenti sarebbero persone dedite a riti magici. E’ quanto riferito a un complice di Striscia che ha finto interesse per l’acquisto di resti umani.

L’incontro è stato ripreso con una telecamere nascosta. Inizialmente il sedicente maestro è stato agganciato tramite whatsapp. Nella chat vengono mostrate foto di bustine trasparenti contenenti frammenti ossei. Viene data inoltre la disponibilità alla vendita di parti di bacini, teschi e di un cadavere, al costo di 30mila euro. L’uomo si presenta quindi all’appuntamento con il complice a bordo della sua auto. Il bagagliaio contiene varie buste con resti umani, fra cui teschi con capelli. Il “maestro” fa cenno a “veri maghi” interessati all’acquisto di resti umani per utilizzarli in riti di magia. Nel giro sarebbero coinvolte anche altre persone pagate per procurargli le ossa. Alla fine del servizio, Luca Abete sorprende il “maestro” al bancone di un bar. Questi si dà precipitosamente alla fuga, dileguandosi in auto.

Le immagini sarebbero state girate circa un mese e mezzo fa. Il fenomeno, da quanto appreso, era già noto alle forze dell’ordine, che da tempo sono sulle tracce di questi soggetti. Il sindaco di Villa Castelli, Giovanni Barletta, invita alla cautela. “Le immagini del servizio – dichiara – sono state girate a Villa Castelli, ma è da vedere se le persone coinvolte siano del territorio, poiché non si fa mai riferimento a Villa Castelli. Mai uno pensa che la mente umana possa arrivare a tutto questo. Sono certo che nel giro di poco tempo le forze dell’ordine faranno chiarezza e che la verità verrà a galla, con l’individuazione dei responsabili. Piena fiducia nel loro operato”.