Menù principale

Torre Lapillo, , tra le dieci mete marittime più in voga per le festività

Torre Lapillo, , tra le dieci mete marittime più in voga per le festività
Fonte: l’edicola del sud.it
C’è anche Torre Lapillo, splendida località vicina a Porto Cesareo, tra le dieci mete marittime più in voga per le festività natalizie. È quanto emerge da una indagine condotta da Subito.it sulle abitudini e le scelte dei propri clienti in merito alle case in fitto. La parola “Capodanno”, d’altronde, è già da due mesi la più utilizzata nel motore di ricerca nella categoria “casa vacanze”. Una voglia di evasione da parte degli italiani confermata dalle prenotazioni e da una estate che ha rivisto il settore sfiorare i numeri del 2019, prima della pandemia. È cresciuto particolarmente l’interesse verso chalet, casali e ville, con l’idea di affittare in gruppo un immobile per passare tra amici le festività.
Un trend che ha coinvolto anche alcune località di mare che sono riuscite a destagionalizzare la propria offerta. Torre Lapillo, in particolare, si colloca al settimo posto di questa graduatoria che è guidata da Scauri, nel Lazio. Esclusa Bibbione, in Veneto, e Varazze, in Liguria, le altre otto mete marittime più ambite sono al Centro-Sud. Una scelta quella dei turisti non casuale ma dettata dal caldo che ha reso questi luoghi particolarmente godibili anche nella stagione invernale. Secondo una indagine dell’Ipos, d’altronde, le località di mare sono state scelte dal 28% dei vacanzieri. Un dato significativo e in netta crescita rispetto al passato, in una stagione in cui le mete più ambite sono tradizionalmente quelle di montagna.
Non è la prima volte, d’altronde, che Torre Lapillo sale agli onori della cronaca. Qualche mese fa il The Guardian, prestigioso quotidiano britannico, aveva inserito la sua spiaggia tra le dieci meno note ma più belle al mondo. Nella classifica realizzata dal giornalista Will Coldwell, erano incluse mete più esotiche, dal Brasile al Sud Africa, dalla Giamaica all’Australia. Nell’articolo venivano evidenziate, oltre il mare bellissimo, anche le numerose strutture ricettive della zona, nonché la possibilità di prendere in locazione numerose case durante il periodo estivo. In chiusura dell’articolo, Will Coldwell definisce questo tratto della costa ionica le Maldive d’Italia.
Un trend che conferma l’attrattività della Puglia, così come è emerso dai dati diffusi da Puglia Promozione. La scorsa estate la regione ha fatto registrare più di dieci milioni di presenze e due milioni di arrivi. Da giugno ad agosto si sono registratti 2.181.102 arrivi e 10.221.699 pernottamenti con una variazione del +4,2% e del +3,1% rispetto allo stesso periodo del 2019 e del +9% (arrivi) e +5% (presenze) rispetto al 2021.
Si tratta di risultati trainati dalla ripresa del turismo internazionale i cui arrivi sono aumentati del +13% rispetto all’estate pre-pandemia e del +80% rispetto al 2021. Il risultato di Torre Lapillo, però, è anche, se non soprattutto, un esempio di destagionalizzazione riuscita. La “resistenza” di quest’area anche nel periodo più freddo non è da sottovalutare.