Menù principale

TORRE S. SUSANNA . SUL SAGRATO DEL CONVENTO DEI PP. CARMELITANI PREGHIERA COMUNITARIA PER IL POPOLO AFGANO . HANNO PARTECIPATO I FEDELI DEL CONVENTO DEI PP. CARMELITANI I PARROCHIANI DELLA CHIESA MADRE E L ‘AMM.NE COMUNALE

TORRE S. SUSANNA . SUL SAGRATO DEL CONVENTO DEI PP. CARMELITANI PREGHIERA COMUNITARIA PER IL POPOLO AFGANO . HANNO PARTECIPATO I FEDELI DEL CONVENTO DEI PP. CARMELITANI I PARROCHIANI DELLA CHIESA MADRE E L ‘AMM.NE COMUNALE
Iniziata alle ore 23.00, è terminata alle ore 24.00 con una preghiera a Gesù ed un canto alla Madonna della Speranza l’Adorazione Eucaristica pro popolo afghano.
Pubblichiamo la preghiera comunitaria:

 

 

Caro Gesù,
che nella tua umile onnipotenza, abiti lo spazio minuscolo e angusto di un’Ostia consacrata, noi non ci stancheremo mai di implorarti e siamo sicuri che Tu, nella tua pazienza misericordiosa, non ti stancherai di ascoltarci.
A chi, infatti, possiamo ricorrere quando vediamo sgretolarsi la nostra umanità e aprirsi sotto i nostri sguardi la voragine insondabile della crudeltà.
Tu sai bene che questa è una abituale patologia molto diffusa in ogni latitudine e longitudine del nostro mondo.
Questa volta, però, la nostra implorazione riguarda un ambito preciso, quello dell’Afghanistan, teatro di scene sempre più aspre e crudeli.
Abbiamo, per questo, tre richieste da farti.
La prima riguarda fratelli e sorelle afghani: liberali dalla furia omicida e selvaggia degli oppressori e ridona a loro la serenità di una vita libera da terrori e dolori che stritolano i loro cuori e spengono ogni speranza.
La seconda riguarda gli oppressori: fa’ che si riscoprano umani, capaci di spargere, non sangue innocente, ma gioia di vivere. Che c’è in costoro di tanto impellente e malvagio da farli sentire sempre assetati di sangue che, secondo loro, apparterrebbe a persone infedeli? Tu conosci uno ad uno costoro, Chirurgo divino; e Tu stesso hai sperimentato sul Golgota la malvagità omicida. Procedi perciò al trapianto spirituale dei loro cuori di pietra, sostituendoli con cuori capaci di amare.
La terza riguarda tutta l’umanità: liberala dalla pandemia del coronavirus, ma anche dall’indifferenza verso coloro che soffrono. Instilla in ciascuno, ma soprattutto nei grandi della terra, sentimenti di giustizia, di condivisione, di libertà e d’amore. Il vile interesse personale o nazionale non abbia il sopravvento sulla comunione, la fraternità, il dialogo.
Il sacramento che abbiano adorato raccolga i fremiti dei nostri cuori e li trasformi in pioggia di giustizia, di libertà, di amore e, soprattutto, di difesa della dignità dei fratelli e delle sorelle dell’Afghanistan.
Con noi, invisibile agli occhi della carne, ma visibilissima allo sguardo di fede, ti supplica e implora la tua e nostra Mamma Maria.
Con noi, caro Gesù, anche Lei ti dice “grazie per averci ascoltati”.
Amen.

+ Lucio M. Renna
Torre S. Susanna, 3 settembre 2021