Menù principale

Uccide la moglie, fugge e si dà fuoco

Uccide la moglie, fugge e si dà fuoco
Fonte : Brindisi Report
L’uomo, Matteo Verdesca, nella notte ha accoltellato la 38enne Donatella Miccoli e dopo l’omicidio aveva fatto perdere le sue tracce. E’ stato rinvenuto carbonizzato all’interno dell’auto nelle campagne tra Novoli e Carmiano
E’ stato rinvenuto carbonizzato all’interno dell’auto nelle campagne tra Novoli e Carmiano il corpo di Matteo Verdesca, il 38enne di Novoli che questa notte (domenica 19 giugno 2022) ha accoltellato a morte la moglie Donatella Miccoli, nata a Mesagne. Dopo l’omicidio si era dato alla fuga con l’utilitaria della donna ed erano partite le ricerche da parte di tutte le forze dell’ordine, anche nel Brindisino, con l’ausilio di un elicottero del 6 Nec di Bari. Sono stati i carabinieri dell’aliquota radiomobile di Campi Salentina a ritrovare l’auto completamente bruciata con all’interno il corpo dell’uomo carbonizzato.
La donna avrebbe compiuto 39 anni il prossimo settembre, svolgeva la mansione di commessa presso uno dei negozi del centro commerciale “Mongolfiera” di Surbo. Lui era corriere. Poco prima delle 2 si è scatenata la furia dell’uomo per motivi che non si conoscono ancora. La coppia si trovava in casa al momento del fatto, nell’abitazione di via Veglie. I bimbi di 2 e 7 anni dormivano ancora.
Immediato infatti l’intervento dei carabinieri della compagnia di Campi Salentina, assieme ai colleghi della stazione locale. L’appartamento della coppia è stato inoltre raggiunto anche dai militari della Sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale per i rilievi. L’immobile è stato posto sotto sequestro, su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Lecce.

A Novoli bandiera a mezz’asta e lutto cittadino. La lettera del sindaco Marco De Luca
Marco De Luca, primo cittadino della comunità dell’hinterland leccese ha inviato alla stampa una nota per esprimere la sua vicinanza a una famiglia piegata dal dolore, lacerata in maniera irreversibile. Dal municipio, intanto, bandiere a mezz’asta e nel corso delle prossime ore proclamato il lutto cittadino. Di seguito la sua lettera integrale:
“Sono un sindaco, ma sono soprattutto un uomo, un padre di famiglia, e stamattina sono letteralmente scioccato dalla notizia di questa tragedia. Conosco bene Donatella, di 38 anni, i suoi giovani figli, di 2 e di 7. Non ho parole per descrivere quanto è accaduto. Sono sconvolto, ma anche arrabbiato, demoralizzato: ci impegniamo nelle comunità a sensibilizzare contro la violenza sulle donne e poi ci ritroviamo giovani donne trucidate in questo barbaro modo a due passi da casa. Da sindaco, sento sulle spalle e nel cuore il dolore di una intera comunità, rivolgo alla famiglia di Donatella le più sentite condoglianze da parte del paese, che si ferma. Abbiamo già provveduto a porre le bandiere a mezz’asta e proclameremo il lutto cittadino, per ricordare Donatella e far sentire la nostra vicinanza a tutti i suoi familiari, i figli, gli amici, le persone che le volevano bene”.