Menù principale

Caldo e sport, i consigli dell’esperto per restare in forma anche d’estate

Caldo e sport, i consigli dell’esperto per restare in forma anche d’estate
di Paolo Conte
Fonte : Corriere Salentino

Restare in forma in piena estate mantenendo lo stato di benessere psicofisico. Un equilibrio difficile da trovare soprattutto quando aumenta l’afa e le tentazioni a tavola si moltiplicano. E infortuni e malesseri sono dietro l’angolo. Un quesito che trova le giuste risposte nelle raccomandazioni del dottor Angelo Tornese. Laureato con lode in Medicina dello Sport presso l’Università di Napoli, Tornese è Dirigente Medico Responsabile della U.O.S aziendale territoriale per la branca di medicina dello sport nella Asl di Lecce, presidente dell’associazione medico-sportiva di Lecce – F.M.S.I. e vicepresidente regionale del comitato pugliese della federazione medico-sportiva italiana.

Dottor Tornese, quali consigli alimentari vuole porre all’attenzione di coloro che intendono mantenersi in forma?
“Bisogna evitare l’attività sportiva nelle ore calde e restare lontani dai cibi pesanti. È importante bere tanta acqua e mangiare cibi liquidi, frutta e verdura. Ma sopratutto è fondamentale limitare il consumo di alcolici che sono molto calorici. Fritture, insaccati e cibi ricchi di grassi sono bannati. Si alla pasta, ma occhio ai condimenti troppo elaborati. Anche mangiare in grosse quantità è sconsigliabile. Mangiare poco e spesso sezionando i pasti è la formula giusta per il benessere, soprattutto quando il caldo si fa sentire. Per le abbuffate conviene attendere l’autunno”.
Che tipo di attività sportiva consiglia in estate?
“Vanno bene passeggiate lunghe e veloci evitando di camminare in luoghi dove sono presenti le polveri sottili che producono i mezzi a motore. Una bella passeggiata in campagna o in un parco è l’ideale. Con l’estate si preferisce fare attività all’aperto, ma chi è abituato ad allenarsi in palestra può farlo ugualmente, a patto che si tratti di un luogo climatizzato dotato delle attrezzature adeguate”.

Quali sono gli infortuni più frequenti nella stagione estiva?
“Gli infortuni più frequenti accadono sulla sabbia perché il terreno non è regolare e livellato. Quindi gli arti inferiori effettuano un lavoro diverso per quanto riguarda le articolazioni. Quindi si rischia di rimediare distorsioni di varia entità alle ginocchia e sopratutto alle caviglie. Sono infortuni che normalmente capitano per chi gioca a racchettoni, beach volley, beach soccer e beach tennis. Lo sport che consiglio in estate è certamente il nuoto, ma anche semplici camminate in acqua possono portare ottimi benefici. Le attività in acqua non caricano sulle articolazioni e il nuoto consente di bruciare tante calorie. Si lavora sempre in scarico perché il peso del corpo in acqua è assente. Le passeggiate nell’acqua di mare fanno benissimo perché tonificano, massaggiano i muscoli, i vasi sanguigni e i sali marini producono benefici alla pelle e favoriscono la perdita di liquidi in eccesso. Però non bisogna esagerare con sedute di allenamento faticoso e prolungate nelle ore calde. Ogni tipo di allenamento è preferibile farlo alle primissime ore del mattino o al tramonto”.