Menù principale

Case di comunità, la Regione Puglia ne prevede 9 per Brindisi (entità degli investimenti previsti-tempi di realizzazione). Uno a Torre Santa Susanna in via Oria

Case di comunità, la Regione Puglia ne prevede 9 per Brindisi (entità degli investimenti previsti-tempi di realizzazione). Uno a Torre Santa Susanna in via Oria
«La Regione sta supportando le aziende sanitarie pugliesi, accogliendo le proposte di investimento che provengono dai territori per qualificare l’offerta di cura e assistenza. Oltre 19 milioni di euro sono stati stanziati per la realizzazione di questi nuovi servizi: le strutture che ospiteranno le Case di comunità sono di proprietà della Asl di Brindisi oppure sono state concesse all’azienda grazie agli accordi siglati coi Comuni. Ostuni avrà la sua casa di comunità, la cui sede è della Asl, in contrada Trappeto del Monte grazie a un investimento di 1 milione e 700mila euro; a Cisternino sarà realizzata nell’ex ospedale di via Regina Margherita con una spesa di 5 milioni e 300mila euro; l’immobile di San Pancrazio, in via Umbria, è di proprietà comunale e serviranno circa 680mila euro per adeguarlo agli standard richiesti; la conversione del poliambulatorio Asl di Villa Castelli in casa della comunità costerà quasi 1 milione e 100mila euro. A Torre Santa Susanna è stato scelto un immobile Asl in via Oria per realizzare la struttura, con un investimento di quasi 1 milione e 200mila euro. La proprietà dei locali selezionati a San Vito dei Normanni, in viale Onu, è comunale e l’impegno economico messo a bilancio è di 2 milioni e 500mila euro; quella di Brindisi sarà ospitata nel padiglione D dell’ex ospedale di Summa grazie a un investimento di oltre 3 milioni 600mila euro; quella di Francavilla Fontana troverà spazio nell’ex Fiera dell’Ascensione, comunale, per un impegno di spesa pari a 2 milioni e 500mila euro e per quella di San Michele Salentino nel poliambulatorio Asl l’investimento è di 700mila euro. I tempi necessari per il completamento delle opere seguiranno i passaggi previsti dalle scadenze del Pnrr».