Menù principale

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA- CONTINUA NO I DIVETI SINO AL 3 MAGGIO 2020

COMUNE DI TORRE SANTA SUSANNA- CONTINUA NO I DIVETI SINO AL 3 MAGGIO 2020

E’ prorogata l’efficacia di quanto disposto con propria Ordinanza
n. 8 del 04.04.2020 sino al 03.05.20
e pertanto:
Sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato;
Sono sospese le attività di ristorazione e bar, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, veglioni, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
E’ fortemente raccomandato, presso gli esercizi commerciali diversi da quelli delle indicazioni precedenti, sia all’aperto che al chiuso, che il gestore garantisca l’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori;
Sono sospesi i mercati in ogni forma -settimanale e/o quotidiano, mercatini e fiere, compresi i mercati a merceologia esclusiva per la vendita di prodotti alimentari- nonché, più in generale, le attività di commercio su aree pubbliche in qualunque modalità esercitata e, quindi, sia in forma itinerante (tipo B), sia suposteggio (tipo A), anche per la vendita di prodotti alimentari, sino al 3 Maggio 2020 e/o comunque, sino al perdurare delle limitazioni statali e/o regionali che dovessero sopravvenire;
Sono sospesi eventi e competizioni sportive di ogniordine e disciplina sia in luogo pubblico che privato.
Parenti e visitatori a strutture di ospitalità e lungodegenze, strutture residenziali per anziani autosufficienti e non, devono controllare gli accessi attraverso uno scanner rilevatore della temperatura ed interdire
l’accesso a persone con temperatura superiore a 37,5° C o comunque chiaramente raffreddati.
Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena, ancorché non risultati positivi al virus.
E’ fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche, o con multimorbilità, ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
Si raccomanda di limitare, ove possibile, gli spostamenti delle persone fisiche ai casi strettamente necessari.

E’ fortemente raccomandato, inoltre, ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5°C) di rimanere presso il proprio domicilio e di limitare al massimo i contatti sociali, contattando telefonicamente il proprio medico curante.
E’ proibita qualsiasi riunione o assembramento presso oratori, associazioni culturali e sportive ed associazione combattenti e reduci.
Chiunque proviene da altre zone, come indicato nei disposti statali, deve comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione della ASL BR1 nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta.
Ogni studio o ufficio aperto al pubblico è pregato di dotarsi di soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani e ad igienizzare i luoghi aperti al pubblico, organizzando l’accoglienza con il rispetto della distanza fisica di almeno un metro.
Si riportano le informazioni necessarie alle modalità dell’isolamento domiciliare:
a)
Mantenimento dello stato di isolamento per 14 giorni dall’ultima esposizione;
b)
Divieto di contatti sociali;
c)
Divieto di spostamenti e viaggi;
d)
Obbligo di rimanere raggiungibile per le attività di sorveglianza.
Lo svolgimento dell’attività in violazione del presente provvedimento, nonché dei disposti statali e regionali, comporterà l’applicazione delle relative
sanzioni di legge.
La presente ordinanza sarà notificata al comandante dei carabinieri, al comandante dei vigli urbani ed inviata a Sua Eccellenza il Prefetto di Brindisi.
Contro il presente provvedimento è possibile presentare ricorso entro 30 giorni al Prefetto della Provincia di Brindisi ovvero entro 60 giorni al TAR territorialmente competente.
Il Sindaco
Dr. Michele Saccomanno