Menù principale

Con la moto finisce contro un palo dell’illuminazione pubblica Il centauro, è in ospedale a Brindisi in gravi condizioni

Con la moto finisce contro un palo dell’illuminazione pubblica Il centauro, è in ospedale a Brindisi in gravi condizioni
Fonte: Lo Strillone
Con la moto, una di quelle che gli appassionati e i cultori della materia definiscono “enduro”, è andato a finire contro un palo dell’illuminazione in viale Ippocrate, non lontano dagli uffici sanitari e dalla postazione del servizio 118 a Oria. Sono critiche le condizioni del centauro 33enne che nel pomeriggio di ieri, intorno alle 15, ha perso il controllo della sua due ruote e poco dopo è finito diritto in ospedale a Brindisi.
Le sue condizioni sarebbero preoccupanti, anche perché i sanitari del servizio d’emergenza – intervenuti a stretto giro – gli hanno dovuto slacciare il casco e praticare qualche prima manovra di rianimazione.
C’è stato, però, in quel primo frangente poco e anzi nulla da fare: nessuna iniziale risposta ai soccorritori, solo qualche rantolo dopo un incidente all’apparenza banale rilevato dalla polizia locale oritana e tuttora in fase di ricostruzione. Infatti, cosa sia accaduto di preciso è difficile da dire: l’unica certezza è data dal fatto che innegabilmente il motociclista abbia perso il controllo della sua moto da cross e che sia andato a collidere contro un palo posto a lato della sede stradale.
Le cause dell’impatto sono ovviamente ancora tutte da accertare e vi provvedono carabinieri della Stazione di Oria e agli stessi agenti della polizia locale, che sono immediatamente intervenuti sul posto oltre ai soccorritori medico-sanitari. Quel tratto di strada – viale Ippocrate – è stato anche in passato teatro di incidenti, anche gravi, ma essendo stato da poco riasfaltato non rappresenta una zona di quelle considerate a più alto rischio, perlomeno nel centro abitato.
Si tratta di un’area periferica e molto caratteristica, ai piedi di un “monte”, meglio di una collina, amata da podisti, cicloamatori e motociclisti proprio perché molto tranquilla. Un’area residenziale con vilette e gente che fa due passi e porta a spasso gli animali domestici.