Menù principale

CORONAVIRUS. RESTIAMO UMANI a cura del doc. Salvatore Pungente

doc . Salvarore Pungente

RESTIAMO UMANI

All’inizio sembrava quasi un film, una sorta di leggenda metropolitana, un problema della lontana Cina, lontana migliaia e migliaia di chilometri, comunque un problema di altre persone. Con il passare dei giorni anche noi siamo diventati un piccolo puntino rosso su quella che e’ la mappa del mondo e questo puntino e’ diventato sempre meno piccolo ed ha assunto le sfumature di una moderna lettera “Scarlatta”. Lentamente ed inesorabilmente questo puntino e’ arrivato nella nostra vita sostituendo le prime pagine dei quotidiani, le piu’ frequenti discussioni nei bar (per quelli ancora aperti) e nei tanti dibattiti in televisione. Abbiamo ascoltato un sacco di medici specialisti o presunti tali, abbiamo guardato un sacco di video su you tube su come starnutire e/o lavare le mani, come indossare le mascherine e come vestirci pre difendere e proteggere noi stessi da altri. Continuiamo a leggere procedure e linee guida, stiamo diventando esperti nell’uso delle mascherine e di vari disinfettanti. Purtroppo questo puntino e’ giunto nella nostra quotidianita’ in maniera subdola raggiungendo le nostre menti ed il nostro cuore. Lentamente si e’ annidato nella nostra nazione e da un piccolo sasso si e’ scatenata la frana, quasi una scintilla che ha scatenato il grande incendio. Non ci siamo accorti che quella epidemia apparentemente lontana e’ divenuta una realta’ tangibile ed assai pungente, vicina, pronta a sfiorarci in qualsiasi momento. Perche’ la persona che puo’ contagiarsi puo’ essere chiunque, un amico, un parente, un collega, un paziente. Ecco allora l’invito a mantenere sempre una certa razionalita’, avendo cura di informarsi da fonti autorevoli. E’ assai vero che questo e’ un momento difficile e delicato per il crescente numero dei contagiati da coronavirus in Italia, ma e’ assai piu’ importante tenere presente che siamo in una collettivita’ dove conta il senso di responsabilita’, ovvero dobbiamo mettere in atto comportamenti ed azioni che ci rendono responsabili sia verso noi stessi che verso gli altri. E per ridurre la paura dobbiamo ridurre l’ignoranza, la piu’ contagiosa delle malattie infettive, parola di medico. Spesso ci si lamenta che sia finito il tempo del dialogo, invece adesso che si e’ costretti a stare insieme nelle proprie case, con i propri cari… figli, si puo’ cogliere l’opportunita’ per scambiare qualcosa in piu’ che semplici notizie di carattere operativo. Prima o poi questa brutta tempesta passera’ ma in nessun caso dovra’ farci dimenticare di continuare ad essere….umani. Forza e coraggio a tutti.
doc Salvatore Pungente