Menù principale

Disavventura nelle acque di Torre Colimena per sei turisti dell’avellinese. La loro piccola imbarcazione si è rovesciata a circa un circa cento metri dalla costa.

Disavventura nelle acque di Torre Colimena per sei turisti dell’avellinese. La loro piccola imbarcazione si è rovesciata a circa un circa cento metri dalla costa.

Fonte La Voce Di Manduria
Disavventura nelle acque di Torre Colimena ieri mattina per sei turisti dell’avellinese. La loro piccola imbarcazione presa in nolo si è rovesciata a circa un circa cento metri dalla costa e stava per affondare quando sono stati tratti in salvo da un natante della locale Lega Navale.
Intorno alle 10 una bagnante aveva segnalato al numero della Lega Navale una barca rovesciata con sei occupanti in direzione della Palude del Conte. Il presidente di sezione Jonathan Tieni dopo aver allertato la sala operativa della Guardia Costiera che ha assunto il coordinamento dell’operazione, con un gommone e accompagnato da un operatore della struttura si è subito portato nel punto segnalato dove effettivamente c’erano i malcapitati ancora aggrappati all’imbarcazione prossima all’affondamento.
Imbarcati sul gommone, i sei occupanti, tutti adulti, sono stati portati presso la struttura della Lega dove hanno ricevuto la prima assistenza. Fortunatamente a parte lo stato di shock procurato dal panico nessuno aveva riportato ferite.
Da una prima ricostruzione pare che durante la navigazione il natante, preso a noleggio, abbia cominciato ad imbarcare inspiegabilmente acqua tanto da scompensare il bilanciamento dei pesi fino a provocarne il capovolgimento. Non è da escludere che alla base dell’inconveniente vi sia l’errore umano considerata le scarse conoscenze nautiche da parte di chi era al timone.
La ricostruzione dell’accaduto è al vaglio della Capitaneria di Porto di Maruggio al comando del luogotenente Cosimo Di Napoli intervenuto con il secondo capo Antonio Mazza.
Il gestore del noleggio nautico ha già provveduto al recupero del natante e alla bonifica dell’area interessata.
Si rivela ancora una volta fondamentale l’attiva collaborazione tra la Capitaneria di Porto e Lega Navale Italiana, la cui intesa operativa permette interventi di soccorso celeri e di messa in sicurezza dell’incolumità di bagnanti e diportisti. Solo in questa stagione estiva 2022, gli interventi sono stati una ventina.