Menù principale

E’ stato aggredito da due cani lasciati incustoditi dal proprietario, mentre portava a passeggio il suo cocker.

E’ stato aggredito da due cani lasciati incustoditi dal proprietario, mentre portava a passeggio il suo cocker.
Fonte : Brindisi Report
E’ accaduto martedì mattina in viale Grecia. Dieci punti di sutura alla mano per la vittima. “Fra cani senza guinzaglio e deiezioni non raccolte, troppa inciviltà a Bozzano”
E’ stato aggredito da due cani lasciati incustoditi dal proprietario, mentre portava a passeggio il suo cocker. E’ un’esperienza da incubo quella vissuta da un brindisino di 58 anni nella mattinata di ieri (martedì 22 febbraio) in viale Grecia, al rione Bozzano. Il malcapitato era appena uscito da casa. “A circa 50 metri dal punto in cui mi trovavo – racconta a BrindisiReport – ho visto due cani che senza guinzaglio passeggiavano in uno spazio verde. Improvvisamente si sono diretti verso di me. Il proprietario, colto di sorpresa, non ha fatto in tempo ad afferrarli”.
Nel giro di pochi stanti, resosi conto della gravità del pericolo, il 58enne prende in braccio il suo cucciolo, per cercare di sottarlo all’aggressione. Il tentativo riesce solo in parte. “Il mio cocker – racconta – è stato azzannato due volte all’altezza del fondoschiena. Io sono stato azzannato alla mano sinistra e al polpaccio destro. Dopo essere caduto il mio primo pensiero è stato quello di rialzarmi subito, perché se fossi rimasto a terra le conseguenze sarebbero state peggiori”.
Dopo l’aggressione, la vittima si fa accompagnare da un familiare presso il Pronto soccorso dell’ospedale Perrino. I medici gli applicano 10 punti di sutura alla mano, che nei prossimi giorni necessiterà di un ulteriore trattamento nel reparto di Chirurgia plastica. In ospedale viene raggiunto da una pattuglia della Polizia Locale di Brindisi, che si attiva immediatamente per risalire all’identità del proprietario dei due cani. Gli accertamenti investigativi culminano poi con la denuncia a piede libero di quest’ultimo, accusato del reato di malgoverno di animali.
“L’esperienza – spiega la vittima – è stata shockante anche e soprattutto per il mio cane. Per tutta la giornata di ieri non si muoveva dal cuscino. Oggi, fortunatamente, ha dato dei segnali di ripresa”. Ancora provato dall’accaduto, il 58enne ha deciso di rendere pubblica la sua disavventura affinché episodi del genere non si ripetano più. “Molti abitanti di Bozzano – afferma – oramai credono che il quartiere sia un grande dog park dove possono passeggiare tranquillamente con i loro cani senza tenerli al guinzaglio e lasciando escrementi a destra e a manca. Questo non è accettabile, perché le conseguenze, come dimostra il mio caso, possono essere gravissime”.