Menù principale

Grandi disagi per gli studenti pendolari.Un sindaco scrive a Sud-Est e Prefetto

Grandi disagi per gli studenti pendolari.Un sindaco scrive a Sud-Est e Prefetto
Fonte : Brindisi Report
Anche a Cellino San Marco, come in altri comuni della provincia, per gli studenti pendolari la scuola è cominciata con i disagi legati al sovraffollamento dei mezzi. Attraverso una nota diffusa su Facebook il sindaco Marco Marra rende noto di aver inviato una lettera alla Società Ferrovi Del Sud Est, al Prefetto di Brindisi e all’assessore regionale ai Trasporti pubblici dopo aver esgeuito sopralluoghi alle fermate. Al momento, però, nulla si è mosso.
“A seguito delle vostre segnalazioni e, dopo diversi sopralluoghi del sindaco, già in data 20.09.2022, si è provveduto a segnalare il disservizio e le difficoltà degli studenti per raggiungere le sedi scolastiche per l’insufficienza dei mezzi messi a disposizione dalla Società di trasporto. Nella stessa nota si chiedeva di adottare “ogni misura ritenuta idonea al fine di garantire il servizio degli studenti abbonati di questa comunità”, confidando nella fattiva collaborazione della Società in parola. La nota è stata, altresì, inviata al Prefetto di Brindisi e all’assessore regionale ai trasporti pubblici. Dopo qualche giorno dall’invio della predetta nota, è seguito un colloquio del sindaco con l’assessore al ramo e con un referente della Società Fse che facevano presagire la risoluzione immediata del problema. Ma così non è stato”. Scrive Marra.
“Pertanto, con nota del 10.10.2022, si è provveduto a sollecitare il riscontro alla precedente missiva a tutt’oggi rimasta inevasa. Le problematiche segnalate dai genitori circa l’insufficienza dei mezzi messi a disposizione dalla Società Fse per gli studenti di Cellino San Marco sono, a tutt’oggi, ancora presenti e si chiede, a gran voce, la soluzione all’atavico problema del trasporto extraurbano”.
Il sindaco Marra confida nell’aggiunta di un ulteriore pullman da parte della Fse e garantire agli studenti cellinesi un servizio adeguato e fa sapere che si prodigherà a contattare incessantemente gli organi preposti per trovare una soluzione a questo problema, al fine di tutelare il diritto allo studio, garantendo a tutti gli abbonati un servizio migliore.