Menù principale

Il Papa sceglie il salentino Semeraro alla Congregazione santi, già vescovo di Oria, succede come Prefetto al cardinale Becciu

Il Papa sceglie il salentino Semeraro alla Congregazione santi, già vescovo di Oria, succede come Prefetto al cardinale Becciu


Fonte La Gazzetta del Mezzogiorno
Grande gioia nel Salento: Papa Francesco ha assegnato un incarico molto prestigioso a monsignor Marcello Semeraro, 72 anni, originario di Monteroni. Attualmente vescovo di Albano, vicino Roma, Semeraro è il nuovo Prefetto della Congregazione delle cause dei Santi, il dicastero che ha competenza per tutto quello che riguarda la procedura che porta alla beatificazione e alla canonizzazione dei Servi di Dio.
«Vivo questo momento con spirito di libertà e di generatività verso la chiesa diocesana che ho servito. Il resto verrà dopo» sono le sue prime parole dopo la notizia. Era nell’aria da tempo una “promozione” per il prelato leccese. Ma forse nessuno pensava ad un incarico così importante e prestigioso per il semplice fatto che quella “poltrona” fosse occupata da un vero “monumento” della curia romana, monsignor Angelo Becciu, il cardinale sardo travolto qualche settimana fa da uno scandalo imponente. Associato alla vendita di un immobile di lusso a Londra, a presunti favoritismi nei confronti dei fratelli. Insomma, una storia spinosa per le alte gerarchie vaticane, tanto da indurre il Pontefice a tagliare corto. L’epilogo della vicenda è arrivato il 24 settembre scorso quando papa Francesco ha accolto la sua rinuncia all’incarico di prefetto della Congregazione delle cause dei santi e ai diritti e alle prerogative del cardinalato.
Alla luce di questo antefatto appare evidente come sia grandissima la fiducia che il Santo Padre ripone nelle mani del vescovo leccese. Come già detto, a Lecce è festa. L’arcivescovo Michele Seccia spiega di essere “particolarmente lieto” dell’evento. “Il Santo Padre – continua – ha riposto in monsignor Marcello Semeraro una grande fiducia fin da quando lo ha chiamato a svolgere il delicato compito di segretario del Consiglio di cardinali. Il nostro “don Marcello” è stato sempre legato alla sua diocesi di origine, alla sua Chiesa madre e, sebbene il Signore lo abbia chiamato a lasciare la sua terra natia, ha sempre ricordato con gratitudine e riconoscente apprezzamento le sue radici». Seccia ha incontrato Semeraro domenica scorsa. «Gli ho rinnovato non solo il mio personale affetto ma, soprattutto, la gratitudine di un’intera diocesi che lo ha sempre stimato e accompagnato nei diversi ministeri che ha svolto. Ancora oggi, i nostri sacerdoti lo ricordano come professore e maestro di vita, uomo di profonda cultura, intensa spiritualità e franca amicizia».
«A nome della provincia di Lecce faccio gli auguri di buon lavoro a monsignor Marcello Semeraro. Una lieta notizia non solo per la comunità cattolica, ma per il Salento tutto» dice Stefano Minerva presidente della provincia.