Menù principale

“Il testimone molesta la sposa durante il banchetto nuziale”: 26enne sul banco degli imputati per violenza sessuale

“Il testimone molesta la sposa durante il banchetto nuziale”: 26enne sul banco degli imputati per violenza sessuale
FONTE: Corriere Salentino
SPECCHIA (Lecce) – Molesta la sposa durante il banchetto nuziale e il testimone finisce sul banco degli imputati. Lunedì 18 ottobre il giudice per l’udienza preliminare Michele Toriello ha accolto l’istanza dell’imputato, un 26enne di Corigliano d’Otranto, di essere giudicato col rito abbreviato condizionato dall’ascolto di due testi e dalla documentazione prodotta dall’avvocato difensore Walter Gravante (le indagini sono state condotte dal pm Luigi Mastroniani). Calci, pugni, urla, strepiti. Il tutto ripreso da un cellulare con le immagini che, in breve, diventano virali sul web. E dopo il fatidico sì in Chiesa sancito da due novelli sposi il 29 maggio del 2021 in un locale di Specchia (in Salento) si scatenò il finimondo. Sposo e testimone se le diedero di santa ragione con altri convitati a dare manforte ora all’uno ora all’altro contendente.
Grazie alle testimonianze fornite dai diretti interessati, i carabinieri ricostruirono quanto accadde quel giorno in un ristorante del centro storico del comune del Sud Salento salito alla ribalta delle cronache nazionali in poche ore. Tra una pietanza e un bicchiere, il ricevimento sembrava procedere senza alcun intoppo e i convitati, per quanto possibile, cercavano di rispettare le distanze tra un tavolo e l’altro per le stringenti nome anti Covid. Concluso il lauto pranzo, però, l’accortezza di mantenere le distanze tra i convitati sarebbe saltata. In particolare tra sposa e testimone. Nei pressi del bancone del bar, approfittando della confusione generale tra karaoke, balli e canti, il testimone avrebbe avvicinato la sposa cingendole le mani nelle parti intime.
La donna, avvertito il contatto, sobbalza dalla sedia. Si allontana, raggiunge il marito e all’uomo – a cui solo poche ore prima aveva promesso fedeltà eterna – confida le sgradevoli attenzioni che aveva appena ricevuto. Lo sposo, offuscato dalla rabbia, si scaglia contro il suo stesso testimone. La lite tra i due prosegue all’esterno del locale e in breve si aggregano altri amici e familiari mentre qualche temerario convitato cerca di dividere i principali contendenti. Quelle scene non sfuggono all’obiettivo di un cellulare e la rissa finisce in breve sui social scatenando i commenti più disparati.
A fatica i carabinieri, intervenuti dopo pochi minuti, riescono a placare gli animi mentre il testimone, un 26enne residente in un comune del Salento, viene accompagnato in ospedale con diverse ferite su tutto il corpo. Parallelamente un altro fascicolo è stato aperto dagli inquirenti dopo la denuncia presentata dal testimone contro lo sposo, il fratello e il padre dello stesso per le lesioni riportate alla colonna vertebrale durante l’inatteso fuoriprogramma.