Menù principale

“IO ACCOLTELLATA” E SUO MARITO MINACCIA SUICIDIO: MISTERO DOPO TELEFONATA AL PRONTO SOCCORSO

“IO ACCOLTELLATA” E SUO MARITO MINACCIA SUICIDIO: MISTERO DOPO TELEFONATA AL PRONTO SOCCORSO
Le ricerche, anche con l’ausilio di un elicottero, si stanno concentrando nei pressi dell’ex stazione ferroviaria di Avetrana, situata in agro di Erchie
Fonte : brindisireport.it
Una chiamata inquietante nel corso della notte. Poi l’immediato avvio delle ricerche. Sono ancora da definire i contorni di una vicenda che coinvolge le province di Brindisi, Lecce e Taranto. Di certo c’è che intorno all’1:30 di oggi (venerdì 7 maggio), una donna, sedicente 19enne, ha contattato telefonicamente il numero fisso del triage del Pronto soccorso dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. In tono concitato, ha dato le proprie generalità e ha riferito di essere stata accoltellata dal marito, Inoltre ha fornito indicazioni sul luogo in cui si trovava, nelle campagne fra Erchie e Avetrana (Taranto).
La conversazione fra la donna e il personale sanitario è stata interrotta dal marito, che per circa 40 minuti ha parlato con una infermiera. Anch’egli ha lasciato le sue generalità, dichiarando di avere 30 anni. Durante la conversazione, l’uomo ha riferito di essersi ferito con il coltello. Poi sarebbe svenuto. Poi ancora si sarebbero sentite delle urla, fino a quando la telefonata non si è interrotta.
Immediatamente i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana, in sinergia con i colleghi dei comandi provinciali di Lecce e Taranto, hanno avviato le ricerche nelle campagne fra Erchie e Avetrana. E’ in questa zona, infatti, che la coppia ha riferito di aver abbandonato una Lancia Ypsilon con le quattro frecce accese. Per tutta la mattinata l’area è stata controllata con l’ausilio di un drone. Nel primo pomeriggio è arrivato anche un elicottero dell’Arma.
I carabinieri stanno cercando riscontri rispetto alle generalità fornite da marito e moglie. Al momento non si conosce l’utenza da cui è partita la chiamata, considerato che il telefono del Pronto soccorso non era dotato di display e, mistero nel mistero, sul tabulato dell’utenza ospedaliera non si trova traccia di quella telefonata. Le ricerche, in particolare, si stanno concentrando nei pressi dell’ex stazione ferroviaria di Avetrana, situata nell’agro di Erchie.