Menù principale

La Regione autorizzerà i medici di famiglia a superare la soglia massima dei 1.500 assistiti

La Regione autorizzerà i medici di famiglia a superare la soglia massima dei 1.500 assistiti.
Fonte : La Gazzetta del Mezzogiorno
La Regione autorizzerà i medici di famiglia a superare la soglia massima dei 1.500 assistiti. Lo ha annunciato l’assessore alla Salute, Rocco Palese, spiegando che la novità si rende necessaria per fare fronte alla carenza di medici di base. «È assolutamente necessario – dice Palese – che venga garantita l’assistenza universale. Essendoci un grave deficit sul territorio, non c’è altra possibilità se non questa».
Non sarà necessario un provvedimento normativo ma una semplice circolare del dipartimento Salute alle Asl, che ne daranno comunicazione ai distretti. Il meccanismo scelto è quello dell’iscrizione provvisoria degli assistiti anche nelle liste dei massimalisti (i medici che hanno già raggiunto il tetto), possibilità peraltro oggi già prevista in alcuni casi (ad esempio quando un minore sceglie il medico che assiste i propri genitori). In una fattispecie simile, del resto, una norma del governo Draghi ha già consentito la deroga ai medici della continuità assistenziale.
In Puglia i medici della continuità assistenziale e di famiglia sono circa 3.700, ma da quest’anno – secondo uno studio Fimmg – i pensionamenti rischieranno di creare scoperture nell’ordine di 150 medici l’anno: portando il massimale a 1.700 – sempre secondo lo stesso studio – sarebbe possibile rinviare il problema di almeno altri due anni. Tuttavia già oggi si registrano difficoltà nelle aree rurali, non solo sul Gargano ma anche in provincia di Taranto, perché in alcune zone i medici che vanno in pensione non vengono sostituiti per mancanza di candidati.