Menù principale

L’ASSESSORE REGIONALE ALLA SALUTE LOPALCO: «NON VACCINARSI EQUIVALE A GIOCARE ALLA ROULETTE RUSSA»

L’ASSESSORE REGIONALE ALLA SALUTE LOPALCO: «NON VACCINARSI EQUIVALE A GIOCARE ALLA ROULETTE RUSSA»
Il noto epidemiologo afferma che il virus è diventato endemico e invitai non immunizzati a proteggersi
Fonte Noi Notizie
Di Francesco Santoro:
«Non dovete vaccinarvi per solidarietà, senso civico o per amore di comunità. Non dovete farlo nemmeno per ottenere il green pass. Fatelo perché sono sicuro che a nessuno di voi verrebbe mai in mente di giocare alla roulette russa». L’assessore regionale alla Salute, Pier Luigi Lopalco, prova a convincere gli indecisi e i no vax. Lo fa con un lungo post pubblicato sulla sua pagina Facebook in cui sottolinea la pericolosità del virus per i non immunizzati, che, stando ai dati diffusi dalla Fondazione Gimbe giovedì scorso, in Puglia superano di poco il 20 per cento tra gli over 12.
«L’ottenimento del green pass, da solo, sembra non essere un incentivo sufficiente almeno per quei miei concittadini (in Puglia sono ancora migliaia) che sono bloccati dalla paura e preferiscono sottoporsi ad una serie infinita di tamponi pur di non farsi vaccinare- prosegue Lopalco-. A questi miei concittadini vorrei spiegare che il Sars-CoV-2 è un virus ormai divenuto endemico. Significa che sarà compagno di viaggio dell’umanità nei secoli dei secoli. Passerà la pandemia ma il virus resterà. Come con ogni virus respiratorio con quel livello di contagiosità, quindi, prima o poi ciascuno di noi entrerà in contatto».
Il noto epidemiologo ribadisce che il vaccino fa la differenza: «Un’infezione da Sars-CoV-2 può esitare in una forma di polmonite grave, con tutte le sue conseguenze. Con un livello di probabilità così alto, chiunque si intenda un tantino di statistica non affronterebbe mai il rischio. Nel futuro, ogni anno che passerà senza essersi infettati e finché non ci si vaccinerà equivarrà esattamente ad un tiro di grilletto alla roulette russa. Alla stagione successiva la sfida con il destino si ripeterà inevitabilmente».