Menù principale

Le ultime notizie sulla pandemia Coronavirus in Italia, il bollettino di martedì 1 dicembre: 785 morti e19.350 nuovi positivi

Le ultime notizie sulla pandemia Coronavirus in Italia, il bollettino di martedì 1 dicembre: 785 morti e19.350 nuovi positivi

 

Coronavirus in Italia, il bollettino di martedì 1 dicembre del Ministero della Salute. In attesa del nuovo dpcm che dovrebbe regolamentare le feste di Natalecon tutto il Paese che sarà probabilmente zona gialla, i nuovi positivi registrati nelle ultime 24 ore sono 19.350 con circa 180mila tamponi (ieri erano stati 16.377 con 130.524 tamponi). 785 i morti (ieri erano stati 672)

 

Coronavirus, le ultime notizie

Venerdì 4 è atteso il report dell’Istituto Superiore di Sanità e, successivamente, l’ordinanza del ministero della Salute che cambierà colore a alcune regioni che passeranno dall’arancione al giallo e altre dal rosso all’arancione. C’è l’ipotesi di una unica area “super” gialla per l’intero territorio nazionale.

Nel nuovo Dpcm del 3 dicembre ci saranno infatti nuove regole stabilite dal governo per limitare i contagi in occasione delle festività di Natale. Oggi il ministro della Salute Roberto Speranza ha ascoltato le richieste della regioni e illustrerà il provvedimento in Parlamento mercoledì 2 dicembre. Il premier Conte limerà gli ultimi dettagli della bozza che dovrebbe vietare gli spostamenti tra le regioni dal 18 dicembre al 6 gennaio, ma il presidente del Molise Donato Toma ha rivelato ha spiegato che tra le proposte di estremo rigore vi è anche quella di chiudere le regioni dal 4 dicembre. A sorpresa arriva un’apertura per anziani soli, coniugi, partner e conviventi (i cosiddetti congiunti o affetti stabili).

Intanto buone notizie arrivano sul fronte vaccinale: l’agenzia europea del farmaco (Ema) potrebbe dare l’ok all’impiego del siero sviluppato da Pfizer entro dicembre e a quello di Moderna a gennaio. L’Italia rischia di arrivare un po’ in ritardo: il commissario all’emergenza Arcuri ha spiegato oggi alle regione che il piano vaccinale sarà pronto “solo” a fine gennaio.