Menù principale

Oltre duecentomila nuovi poveri in Puglia chiedono aiuto per mangiare Coldiretti: da domani la distribuzione di diciotto tonnellate di pasta

Oltre duecentomila nuovi poveri in Puglia chiedono aiuto per mangiare Coldiretti: da domani la distribuzione di diciotto tonnellate di pasta

fonte :Noi Ntizie

Di seguito un comunicato diffuso da Coldiretti Puglia:

Diciottomila chilogrammi di pasta 100 made in Italy, di alta qualità e a chilometri zero in dono dagli agricoltori di Campagna Amica ai più bisognosi nell’ambito dell’iniziativa la “spesa sospesa” operativa lungo tutta la Puglia. E’ l’iniziativa di solidarietà di Coldiretti Puglia, promossa dagli agricoltori nei mercati di Campagna Amica e negli agriturismi per aiutare a combattere le nuove povertà causate dall’emergenza Covid e offrire ai più bisognosi un Natale sereno.

L’appuntamento è martedì 22 dicembre 2020, a partire dalle ore 10,30, quando partirà la distribuzione della pasta a Bari dall’Istituto Salesiano Redentore al quartiere Libertà, a San Giovanni Rotondo alla mensa degli indigenti, a Taranto attraverso i Servizi Sociali del Comune che hanno individuato le famiglie più bisognose, alla Comunità di Sant’Egidio a Brindisi con i Servizi Sociali dell’amministrazione brindisina, fino a Lecce con le Politiche Sociali del Comune e l’impegno a dare sostegno ai nuovi ‘affamati’.

 

Numerosi Comuni ed enti caritativi in tutta la Puglia riceveranno in dono la pasta e a beneficiarne saranno soprattutto quei nuclei di nuovi poveri “invisibili” che, proprio a causa del repentino peggioramento della propria condizione economica per l’emergenza Covid, non sono stati ancora integrati nei circuiti “ufficiali” dell’assistenza.

 

Le iniziative solidali sono tanto più importanti considerato che l’avanzare dell’emergenza coronavirus ha fatto salire di oltre 200mila i nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto anche per mangiare per effetto della crisi economica e sociale provocata dalla pandemia e dalla conseguente perdita di opportunità di lavoro. Una catastrofe sociale senza precedenti dal dopoguerra contro la quale – conclude Coldiretti Puglia – è importante garantire interventi anche sul piano alimentare a chi si trova in difficoltà.