Menù principale

Oria, torna l’incubo dei furti in abitazione: denunce in aumento, carabinieri al lavoro

Oria, torna l’incubo dei furti in abitazione: denunce in aumento, carabinieri al lavoro
Il portoncino reca ancora i segni dell’effrazione
A volte ritornano. Da un paio di mesi a questa parte, da quando cioè è possibile uscire maggiormente per via dell’allentamento delle restrizioni da pandemia, è tornato di moda – si fa per dire – un fenomeno che purtroppo ha sempre contraddistinto Oria: quello dei furti in abitazione, sia tra le campagne che – principalmente – in periferia. E crescono le lamentele dei cittadini, a volte anche presso la Stazione dei carabinieri, che negli anni si è specializzata nel cercare di arginare questa tipologia di reati, così come quello dei furti d’auto. Dopo un periodo di relativa tranquillità, però, la situazione sembra essere di nuovo attuale, anche se sotto controllo. Nei periodi gennaio-maggio 2020 sono state 14 le denunce; nel periodo gennaio-maggio 2021, sono state 10. Il problema è che purtroppo non tutti denunciano.
Solo per fare un esempio concreto, intorno alle 21,30 del 26 maggio, qualcuno si è introdotto in una casa di via Frascata – peraltro a poche decine metri dalla caserma dell’Arma – e si è portato via 585 euro che i proprietari dell’immobile, usciti verso le 19, avevano messo da parte per far fronte ad alcune spese correnti (bollette, lavoretti, ecc.).

La porta-finestra sul retro sfruttata per la fuga
Fortunatamente, il ladro (o i ladri), entrato dal portone principale – forzato – e fuggito da un’uscita secondaria – aperta dall’interno – non si è accorto della presenza sul posto di altro denaro e soprattutto di una pistola Beretta, regolarmente detenuta, e custodita sotto chiave in un cassetto della camera da letto, che pure è stato scassinato.
I proprietari hanno sporto regolare denuncia e ricevuto il sopralluogo dei carabinieri in forza alla Compagnia di Francavilla Fontana, con i colleghi della Stazione oritana che ora indagano per risalire al responsabile o ai responsabili concentrando l’attenzione anche su alcune persone già note e storicamente dedite a simili attività criminali.
Il consiglio, per cercare di scongiurare sgradite intrusioni, è sempre quello di chiudere perbene ogni punto d’accesso ai locali e, ove possibile, di dotarsi di sistemi di sorveglianza video a circuito chiuso. Questi ultimi, infatti, in caso di effrazione, si rivelano di grande aiuto nelle indagini delle forze dell’ordine e spesso consentono di rintracciare in tempi brevi e di consegnare alla giustizia gli autori dei furti.
Il consiglio più ovvio e utile che si possa dare è però il seguente: nel caso si subisca un furto, rivolgersi alle forze dell’ordine e denunciare, fornendo informazioni utili a chi, per dovere e a tutela di tutti, si occupa d’individuare i responsabili.