Menù principale

Puglia, dal 7 aprile riaprono le scuole di tutti gli ordini: le famiglie potranno richiedere la Ddi. Codacons Lecce: «Emiliano esorbita dai propri poteri»

Puglia, dal 7 aprile riaprono le scuole di tutti gli ordini: le famiglie potranno richiedere la Ddi. Codacons Lecce: «Emiliano esorbita dai propri poteri»
Fonte : La Gazetta del Mezzogiorno
Resta la scelta della didattica digitale integrata. Il provvedimento firmato dal governatore Emiliano ha validità fino al 30 aprile
BARI – «Ho appena emanato l’ordinanza che consente alle famiglie pugliesi che lo desiderano di tutelare la loro salute attraverso la libera richiesta di didattica digitale integrata», così il giorno di Pasqua con un post su Fb il presidente della regione Puglia, annuncia di aver emanato una nuova ordinanza che riguarda le scuole pugliesi.
Con decorrenza dal 7 aprile e sino al 30 aprile l’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado si svolge in applicazione dell’articolo 2 del decreto-legge 1 aprile 2021 n.44 (Disposizioni urgenti per le attività scolastiche e didattiche delle scuole di ogni ordine e grado).
In applicazione della possibilità di deroga prevista nella seconda parte del comma 1 dell’articolo 2 del decreto-legge 1 aprile 2021 n.44, le istituzioni scolastiche della scuola primaria, della secondaria di primo grado, di secondo grado e CPIA devono garantire la didattica digitale integrata a tutti gli alunni le cui famiglie richiedano espressamente di adottarla, in luogo dell’attività in presenza.
Tale scelta è esercitata una sola volta e per l’intero periodo di vigenza delle presenti disposizioni. Eventuali successive istanze modificative della scelta già effettuata sono rimesse alla motivata valutazione del Dirigente scolastico. Ove il collegamento non possa essere garantito immediatamente, ogni singolo istituto, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, deve ricercare ogni altra modalità utile a consentire comunque l’attivazione della didattica digitale integrata, agli studenti le cui famiglie ne facciano richiesta.
Ecco il testo integrale dell’ordinanza num. 102
IL PARERE DEL CODACONS DI LECCE – Per il Codacons di Lecce, con l’ordinanza emessa ieri sera sulla didattica digitale integrata a richiesta nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado dal 7 al 30 aprile, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, «esorbitando dai propri poteri», e nonostante la Puglia sia in zona rossa, ha «di fatto disposto la riapertura anche della seconda e terza media e della scuola superiore con obbligo da parte delle istituzioni scolastiche di accettare le richieste di didattica integrata». «Ove ritenessimo di interpretare diversamente l’ordinanza della Regione Puglia, infatti, non avrebbe alcun senso il riferimento alla scuola media (secondaria di primo grado) ed alla scuola superiore (secondaria di secondo grado) che per legge, in zona rossa, sono integralmente svolte con didattica a distanza senza alcuna possibilità di scelta da parte dei genitori». Il Codacons chiede quindi il ritiro «immediato» dell’ordinanza (che ironicamente definisce «innovativa e futuristica”) e il «rigoroso» rispetto della normativa nazionale.
Nell’ordinanza firmata da Emiliano è scritto che «con decorrenza dal 7 aprile e sino al 30 aprile l’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado si svolge in applicazione dell’articolo 2 del decreto-legge 1 aprile 2021 n.44. In applicazione della possibilità di deroga prevista nella seconda parte del comma 1 dell’articolo 2 del decreto-legge 1 aprile 2021 n.44, le istituzioni scolastiche della scuola primaria, della secondaria di primo grado, di secondo grado e CPIA devono garantire la didattica digitale integrata a tutti gli alunni le cui famiglie richiedano espressamente di adottarla, in luogo dell’attività in presenza».