Menù principale

Puglia in rosso scuro nella mappa Ue Classificazione di rischio corona virus

Puglia in rosso scuro nella mappa Ue Classificazione di rischio corona virus
Fonte Noi Notizie 25 Marzo 2021
Di Francesco Santoro:
Puglia in rosso scuro nella mappa del contagio del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Segno evidente delle difficoltà del momento sottolineate anche dal report settimanale della Fondazione Gimbe.
Intanto a Lecce il sindaco Carlo Salvemini fornisce dettagli sull’ubicazione dei centri vaccinali. «In queste ore si è concluso un approfondito lavoro di individuazione degli hub di primo livello e degli altri luoghi che potranno essere raggiunti dai cittadini quando le dosi a disposizione ci consentiranno la partenza di questa seconda fase- osserva il primo cittadino-. A servizio del nostro distretto, il cui territorio coincide sostanzialmente con quello dell’Ambito sociale (Lecce e altri nove Comuni contermini), sono stati individuati la Scuola di cavalleria della caserma “Zappalà”, il palasport provinciale di via Caduti di Nassiriya e gli spazi del Museo Castromediano (viale Gallipoli)». Mentre i medici di base potranno utilizzare anche i locali dei «centri sociali comunali di via Matera e di via Ofanto».
Salvemini, inoltre, si è fatto promotore di una iniziativa proponendo ai titolari dei supermercati della città di mettere a «disposizione all’ingresso un numero di carrelli pari al massimo di clienti ammessi»; obbligare l’utenza «a utilizzarli prima di entrare nel punto vendita» e impedire «con proprio personale l’ingresso di nuovi clienti in caso di assenza di carrelli disponibili. Sto inviando- dice- a tutti loro una lettera per chiedere piena e convinta collaborazione in tal senso».
Nel frattempo è partita la prima consegna degli anticorpi monoclonali il cui impiego è stato autorizzato dalla Regione nei giorni scorsi. L’Asl barese annuncia che i farmaci sono stati recapitati all’ospedale “Perrino” di Brindisi, mentre la farmacia del “Di Venere” di Bari fungerà da centro di stoccaggio e smistamento. Quattro i centri abilitati all’impiego dei farmaci di ultima generazione: si tratta delle strutture Covid di Bari (“San Paolo”), Altamura e Putignano e del reparto di Rianimazione del “Di Venere”.