Menù principale

RITORNA IL SERVIZIO DI LEVA? È SOSPESO DA QUASI VENTI ANNI

RITORNA IL SERVIZIO DI LEVA? È SOSPESO DA QUASI VENTI ANNI

Fonte : Noi Notizie
Il servizio di leva obbligatorio in Italia è stato sospeso dalla legge n. 226 del 23 agosto 2004.
La norma, nello specifico definisce la sospensione delle chiamate per lo svolgimento del servizio di leva a decorrere dal 1 gennaio 2005.

Come ogni anno però, anche quest’anno, nei primi giorni di gennaio, molti Comuni hanno affisso l’avviso pubblico firmato dal sindaco con scritto: “Obbligo di iscrizione nelle liste di leva dei giovani nati nell’anno 2006”.

In realtà non si tratta di una vera e propria chiamata alle armi; i Comuni infatti, hanno tra i loro compiti quello di formare e aggiornare la Lista di Leva Militare entro il 10 aprile di ogni anno. Questa lista va aggiornata con i nominativi di tutti i giovani secondo il proprio anno di nascita, che dal 1 gennaio al 31 dicembre dell’anno in corso compiono il 17esimo anno di età. Per verificare la propria iscrizione o la propria cancellazione da tali elenchi, è necessario rivolgendosi all’Ufficio Leva del proprio Comune.

Da sottolineare però che la legge parla di sospensione e non di soppressione, pertanto il servizio di leva rimane obbligatorio. Nello specifico la legge dice che: “Il servizio di leva è ripristinato con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, se il personale volontario in servizio è insufficiente e non è possibile colmare le vacanze di organico, in funzione delle predisposizioni di mobilitazione, mediante il richiamo in servizio di personale militare volontario cessato dal servizio da non più di cinque anni, nei seguenti casi: a) se è deliberato lo stato di guerra ai sensi dell’articolo 78 della Costituzione; b) se una grave crisi internazionale nella quale l’Italia è coinvolta direttamente o in ragione della sua appartenenza ad una organizzazione internazionale giustifica un aumento della consistenza numerica delle Forze armate”.
Nessuna chiamata alle armi quindi, ma solo una pura formalità.