Menù principale

SCOPERTA STRAORDINARIA: PASSAVA DA MESAGNE LA VIA APPIA ANTICA COSTRUITA 2300 ANNI FA

SCOPERTA STRAORDINARIA: PASSAVA DA MESAGNE LA VIA APPIA ANTICA COSTRUITA 2300 ANNI FA
Fonte: mesagnesera.it
“Per chi ancora non si sta rendendo conto, tra Mesagne, Muro Tenente e Latiano, sta accadendo qualcosa di straordinario”. MimmoStella, consulente del sindaco Matarrelli sta seguendo quotidianamente i lavori di saggio che gli archeologi della Sabat hanno iniziato per riportare alla luce il tracciato viario scoperto nel luglio 2019 durante alcuni lavori. E aggiunge: “Il sogno che stavamo inseguendo, diventa realtà”.
La scoperta è stata sconcertante: il tracciato riportato alla luce ha tutte le caratteristiche di un asse viario importante. Potrebbe essere la via Appia antica costruita 2300 anni fa. Il tracciato riportato alla luce è in linea con la strada intercettata all’interno delle mura di Muro Tenente fra il 2009 e il 2016. La via Appia Antica, la Regina viarum, come la definivano i Romani, è la strada più famosa del mondo romano. I lavori iniziarono nel 312 a. C. e si conclusero nel II secolo a. C., quando la via, iniziata a Roma, raggiunse Brindisi. Una strada, la via Appia, del IV secolo d. C., che nel suo ultimo tratto, da Taranto si dirigeva verso la stazione di sosta nota come Mesochorum, in territorio di Grottaglie, attraversava Francavilla Fontana, Oria e continuava verso Brundisium dopo aver superato un’ultima “statio” riportata con il nome di Scamnum, comunemente localizzata presso Muro Tenente.
La Soprintendenza, nel suo comunicato ufficiale, ha scritto che “Le attività di ricerca sono finalizzate a definire il tracciato della Regina Viarum, come era chiamata dagli autori antichi la più importante delle vie romane che collegava Roma a Brindisi passando dal territorio di Taranto e il cui tracciato per diverse zone è ancora oggetto di dibattito scientifico. La strada, iniziata dal censore Appio Claudio nel 312 a.C. per collegare Roma e Capua, dovette essere prolungata in Puglia forse soltanto nel corso del III a.C., quando, conquistata Taranto (272 a.C.), i Romani si spinsero fino alla Messapia fondando, infine, la colonia di Brundisium (244 a.C.); certamente rimase uno dei principali percorsi nei secoli a venire, come indica la sopravvivenza in parte nella viabilità attuale e in alcuni tratturi come quello Tarantino (noto anche come “Via Appia antica”)”.