Menù principale

Un gruppo di giovani è passato dalle parole ai fatti e un 17enne francavillese è finito in ospedale dopo essere stato circondato e picchiato brutalmente.

Un gruppo di giovani è passato dalle parole ai fatti e un 17enne francavillese è finito in ospedale dopo essere stato circondato e picchiato brutalmente.
FONTE . Lo Strillone

Prima la rissa, poi il pestaggio. Nottataccia sabato sera in piazza Dante, nel cuore del centro storico di Francavilla Fontana, proprio a due passi da piazza Umberto I. Un gruppo di giovani è passato dalle parole ai fatti e un 17enne francavillese è finito in ospedale dopo essere stato circondato e picchiato brutalmente. Questo, almeno, secondo le ricostruzioni dei carabinieri, chiamati e intervenuti sul posto purtroppo a fatti già accaduti.
Erano le 23.30 circa e come sempre nella Città degli Imperiali andava in scena quella ormai nota come la “movida”.
A un certo punto è accaduto qualcosa, ancora da chiarire, e diversi ragazzi si sarebbero scambiati dapprima degli insulti, poi delle botte.
Una rissa sfociata in pestaggio ai danni del minorenne, lasciato agonizzante per strada e quindi soccorso dal servizio 118. Primi accertamenti in ospedale al Camberlingo di Francavilla Fontana, poi il trasferimento al Perrino di Brindisi, dove tuttora si trova ricoverato. Sarebbe stato colpito ripetutamente in viso e sulla testa con calci e pugni.
I motivi dell’aggressione non sono ancora chiari. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della compagnia francavillese, guidata dal capitano Alessandro Genovese il 17enne, intorno alle 23.30 di sabato, avrebbe avuto un diverbio con un gruppo di giovani. Dalle parole, però, come purtroppo spesso capita, si è poi passati ai fatti. Il gruppetto avrebbe e pestato il ragazzo, Alcuni testimoni hanno così allertato i soccorsi. Sul posto un’ambulanza del 118 che ha trovato il giovane cosciente ma decisamente malconcio. In nottata, il successivo trasferimento a Brindisi.
Sull’episodio, come detto, indagano i carabinieri, che acquisiranno i filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza, pubbliche e private, installate in zona. Di sicuro si è trattato di una notte piuttosto movimentata che sarebbe potuta finire peggio e i cui contorni sono al momento tutt’altro che consolidati.