Menù principale

XYLELLA, LA REGIONE PUGLIA AUTORIZZA GLI INNESTI PER GLI ULIVI MONUMENTALI

XYLELLA, LA REGIONE PUGLIA AUTORIZZA GLI INNESTI PER GLI ULIVI MONUMENTALI

 

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno

 

Granieri (Unaprol): “Sicuramente la possibilità degli innesti e le varie sperimentazioni hanno portato a risultati eccezionali”

 

«Nella lotta alla Xylella l’elemento di novità di questi giorni è che proprio ieri abbiamo adottato un provvedimento dirigenziale con il quale abbiamo autorizzato gli agricoltori che possiedono le piante di ulivo monumentali a prelevare il materiale per la propagazione, le marze, e poter procedere ad innestare le piante nella propria azienda». Lo rende noto Salvatore Infantino, dirigente dell’osservatorio fitosanitario della Regione Puglia, a margine del convegno organizzato da Unaprol e Coldiretti Puglia nella Fiera del Levante di Bari in occasione di Enoliexpo dal titolo «Olio: la nuova frontiera del turismo».

 

«Con il provvedimento dirigenziale – spiega Infantino – abbiamo strutturato un processo controllato, quindi queste piante da cui si prelevano le marze vengono individuate, classificate per essere certi che si tratti di piante appartenenti alle varietà resistenti, favolosa e leccino, vengono analizzate con metodi molecolari e a quel punto l’agricoltore può prelevare le marze e procedere all’innesto. C’è stato bisogno di questo provvedimento perché sul mercato non si trovano le marze idonee per piante di dimensioni importanti come gli ulivi monumentali».

 

ULIVI PATRIMONIO NAZIONALE – «Gli ulivi monumentali sono patrimonio nazionale e non possiamo prescindere assolutamente nel piano di Recovery del Salento dalla loro valorizzazione. Sicuramente la possibilità degli innesti e le varie sperimentazioni hanno portato a risultati eccezionali». Lo ha detto il presidente di Unaprol David Granieri, a margine del convegno organizzato da Unaprol e Coldiretti Puglia nella Fiera del Levante di Bari in occasione di Enoliexpo dal titolo ‘Olio: la nuova frontiera del turismo’.

«La possibilità di recuperare il patrimonio vegetale e aziendale dentro i monumentali – ha aggiunto Granieri commentando il recente provvedimento regionale sugli innesti – è sicuramente una assoluta novità che la Regione Puglia sta facendo sua e disciplinerà. Quindi una possibilità per le aziende di autotutela, in un contesto dove il turismo diventa uno strumento, e devo dire che il Salento lo ha dimostrato negli anni, per portare ricchezza nei territori e dare opportunità di lavoro alle imprese nella logica della multifunzionalità».